kayak report

kayak report

Ho fatto alcune discese con la SIX EXO e la RAPTOR ZET per poter dare una valutazione il più oggettiva possibile ma anche per dare un consiglio personale. Io cerco canoe con una bella seduta,sono convinto che un kayak performante e sensibile passi da una seduta ottimale. Navigo cose difficile ma molto spesso per lavoro navigo fiumi di 4° quindi non ho bisogno di una barca solo per cascate etc.. Voglio una canoa divertente, e bella sia per lavorare che per farmi divertire in acqua.   Non cerco barche facili, perché sono io che devo portare la canoa e non il contrario. Voglio una canoa che mi trasmetta quando sbaglio e quando entro in morta correttamente. Canoa facile per fiumi difficili non mi interessano, canoa difficile, quando sarò bravo farò anche le cose difficili. In realtà non penso che esistano barche facili o difficili, perché quelli bravi fanno cose incredibili con quello che hanno. Penso semplicemente che ci sono canoe diverse per persone che cercano cose diverse. C’è chi vuole imparare ad andare in canoa e cerca il divertimento su tutti i tratti e chi cerca una canoa il più insensibile possibile per poter colmare le carenze tecniche. Ogni tanto passano le mode, tutti a volere un tipo di canoa perché il canoista famoso usa quella barca. Ma il canoista famosa naviga tutti i giorni 6°, io navigo tutti i giorni fiumi normali e quindi mi serve un kayak che deve rispondere per le mie esigenze non per l’esigenze di Sam.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Premetto che, ci sono alcune valutazioni che posso essere oggettive ed altre soggettive, quindi questo articolo deve essere preso come spunto, di un canoista mediobravo, con un peso di 75 kg,alto 172 cm, testando le canoe sul fiume NOCE con anche il tratto delle GOLE di 5°.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

parlando della SIx la metterò in relazione alla 9R pyranha essendo 2 barche nate per la velocità e che per alcune cose si assomigliano.

La ZET la paragonerò alla TUNA perché anch’esse sono state disegnate per fiumi e passaggi molto difficili.

Una barca veloce va bene per le gare ma non tutti fanno le gare e a non tutti serve velocità anzi, spesso in fiumi difficili avere troppa velocità come in certi creek pendenti, potrebbe essere un problema di difficile gestione.

EXO SIX

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

  • OLYMPUS DIGITAL CAMERA

    seduta, io ho dovuto alzare il sedile di 4 cm per poter sentirmi abbastanza alto per riuscire a pagaire bene. La seduta a livello personale non mi è piaciuta molto. Ginocchia alte, e il non avere dei premi coscia non mi piace. L’impostazione è particolare forse per un canoista più alto di me può risultare molto comoda. A me facevano male le ginocchia internamente quando premevo per variare l’assetto. Inoltre nei buchi mi sentivo uscire dalla barca.

  • OLYMPUS DIGITAL CAMERA
  • Fondo devo dire che per alcune cose ha i pregi del fondo rotondo e i pregi del fondo piatto. Molto stabile e molto veloce nel spostare la canoa da un fianco all’altro. Il fianco non pizzica mai e in discesa il fondo rotondo da alla canoa una buona velocità di rotazione. Sicuramente in discesa si sente che la barca è veloce e stabile. Mantiene la linea ed è anche precisa come un fondo piatto.
    OLYMPUS DIGITAL CAMERA
  • Plastica devo dire che non ho notato né troppa rigidità né una canoa fragile. Nella norma.
  • Mi aspettavo una canoa abbastanza difficile, in realtà è una canoa facile, forse abituato alla 9R tutte le altre canoe sono facili, ma la SIX non l’ho mai trovata nervosa o estremamente aggressiva.
  • Ho capito che è una canoa che se si utilizza piano la canoa è docile, se invece si spinge la barca diventa piano piano più aggressiva.
  • OLYMPUS DIGITAL CAMERA
  • In discesa mi è parsa abbastanza leggera e facile da ruotare, in morta invece l’ho trovata abbastanza pesante. Non velocissima nelle risalite. Ovvero buona canoa se si decide di entrare in morta e fermarsi, ma non per uscire velocemente. Alla fine della discesa stranamente ero abbastanza stanco di spalle.
  • Nonostante sia una barca voluminosa è abbastanza divertente anche sul facile. Mantiene una buona sensibilità.

PREGI: velocità, stabilità, precisione, canoa facile per le dimensioni.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

DIFETTI: seduta e premi cosce, abbastanza pesante in morta, coda molto dura.

A livello soggettivo, non mi è dispiaciuta. Sembra una barca da slalom sia per i fianchi che per come entra in morta nella prima fase. Canoa didattica, utile per chi vuole migliorare anche come canoista.  Rispetto alla 9r. Molto più facile la SIx, La 9r in morta è più veloce. Come seduta sono molte diverse, la 9r mi piace di più perché è più divertente e la coda è molto più sensibile. Le differenze tra di loro sono, velocità in morta e difficoltà.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La six, è una canoa particolare, carina, ma la seduta non mi soddisfa e mi sembra troppo grande per me sul pozzetto, inoltre l’entrata in morta non mi piace tantissimo, e la fatica per far ripartire il kayak è notevole. Però per chi cerca una canoa veloce e facile la six risponde bene a queste 2 esigenze.

ZET RAPTOR

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ho provato questa canoa perché mi piaceva molto la linea.

Devo dire che il rocker non è eccessivo ma in acqua si comporta bene, e la punta sta fuori sempre.

  • seduta: non mi è piaciuta molto, gambe molto larghe non riuscivo a spingere bene con i piedi. Premi cosce buono, e anche confortevole. abbastanza schiacciata sul pozzetto così che uno piccolino come me si trova subito bene anche senza dover alzare sedili o altro.
  • In acqua molto molto facile, si vede che è una canoa ideata per cose molto difficili. L’eskimo risulta comunque facile molto di più che la Tuna, nonostante sia abbastanza larga.
  • Plastica nella norma mi è parsa buona.
  • Veloce nonostante non sia lunghissima, il poco rocker nel surf si fa un po’ sentire.
  • La coda mi è parsa buona anche se ogni tanto avevo la sensazione che dovesse essere un 5 cm più lunga.
  • In morta entra discretamente. Poco attiva alle variazioni del peso in avanti e in dietro, all’asseto della canoa. Un po’ insensibile. D’altronde se si vuole una barca facile per navigare cose difficili non può essere una canoa estremamente sensibile a tutte le correnti altrimenti diventerebbe un kayak molto difficile da controllare.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Diciamo che una canoa nata per cose difficili, ma ha delle mancanze. Coda corta, poco volume, rocker minimo. Mi  aspettavo una canoa molto molto bella in realtà a parere mio è una canoa base. Senza infamia senza lode. Non comprerei questa canoa per fare cose molto difficili, e non la comprerei per fiumi facili perché poco divertente. La seduta così larga nonostante sia molto stabile non mi entusiasma.

Barca particolare, ho provato kayak migliori. Una buona canoa per chi vuole imparare. Estremamente facile e docile.

Tra la TUNA e la ZET non c’è molto paragone, seduta della Tuna molto più comoda, la tuna è molto più voluminosa, e in morta reagisce meglio. Ha più rocker e se dovessi avere una barca per cose difficile tra le due sceglierei la Tuna.

La ZET mi ha sorpreso per la velocità, un peccato il fatto di non riuscire a spingere bene con le gambe. Penso però che sia dovuto un po’ alla mia altezza. Probabilmente un kayaker più alto può trovare una miglior spinta con le gambe.

Barca da consigliare per dare agli allievi.

Per informazioni e prenotazioni

CONTATTACI!
Contattaci!
X