Kayak la scelta giusta

Kayak in the World.

Partito il progetto per una nuova spedizione. 3 settimane di fiume. 2 opzioni Marocco o Sud America.

Vorremo fare 3 settimane di kayak, qualche arrampicata. Non è un viaggio commerciale, è un viaggio per pochi e per amici che fanno bene in canoa vogliono spingere con testa e fare tutto con sicurezza e intelligenza. 
Si navigheranno fiumi duri e l’obbiettivo è navigare fiumi abbastanza tostarelli.
Per questo motivo sto cercando il kayak giusto.
Le opzioni sono varie:
Zen Toro,
waka 2.0kayak
Karma M
New Nomad
Zen Jackson L
La ricerca è partita.
La Zen mi piace molto il disegno la più lunga della lista e quella con più litri.
Troppi Litri per uno piccolino come me mi fanno un po’ paura.

La barca sembra sicuramente bella, molto veloce e stabile. I dettagli non sono male e la garanzia jackson è buona. Ovvero sei rompi qualcosa ti aiutano.

New nomad sembra molto bella, devo dire che con le vecchie nomdagg1ad non mi sono mai trovato così bene. Mi sono divertito ma mai ho detto la barca più bella del mondo.
La seduta mi sembra un po’ infossata il disegno bello ma niente che mi faccia dire la voglio.  Devo dire che gli allestimenti sembrano molto curati e Dagger è sempre Dagger. 326 L, per una lunghezza di 259 cm, fondo abbastanza rotondo che perdona ma ha buoni spigoli per le velocità di entrata in morta. Questa sicuramente è una ottima linea. Sono dubbioso: che sia lei la barca giusta???

Zet-Toro-Kayak

Kayak TORO ZET: non è male molto stabile e larga 68 cm, per una lunghezza di 269 con 320 litri. Zet è una bella barca anche la plastica non è male, mi sembra però una barca per alti, con una impostazione per le ginocchia molto larga e alta, e io sono piccolo e strettino.
Devo dire che la barca non è brutta ma a me piace punta e coda abbastanza grassette sia per i creek che per gli incastri di punta o di coda che vorrei provare ad evitare.

Waca 2.0: Ho avuto la Waka 1.0 e mi sono trovato molto bene. Aveva un rocker quasi esagerato che mi portava ad avere un po’ di male alla schiena, fino poi a spezzarmi una vertebra. Aveva una plastica molto morbida che non vuol dire che non va bene. La cosa migliore delle Waka per me sono state: la seduta e la facilità di impostare la barca a mio piacimento. Sedile alto e proiettato in avanti. Mi piace.
Cose negative l’eskimo più difficile rispetto a tante altre barche, quasi un kayak troppo largo per i miei gusti e troppo volume in punta sulla coperta.
La nuova 2.0 sembra fatta dopo aver letto un mio articolo sulle qualità del kayakwaka tuna 2 yellow sm-500x721 una 1.0 ma anche sui difetti.
Wkak 2.0
Questa barca ad un rocker meno accentuato cosa che non è male per fare salti e per evitare di avere troppi strattoni alla schiena. La seduta nonostante sia cambiata la casa che la produce dicono che abbia mantenuto quella seduta aggressiva e bella.
La coperta più arrotondata da sicuramente una miglior facilità di eskimo e si evita di andare a sbattere con le mani sulla coperta.
Hanno cambiato un po’ il premi cosce cosa che un po’ mi spiace. L’impostazione della Tuna 1.0 per me era perfetta regolavi sedile e premi cosce in maniera facile veloce e soprattuto efficace. Ma non vuol dire che il nuovo modello non vada bene, anche se preferisco aver la possibilità di spostare le impostazioni come meglio ritengo, e ora la nuova Waka non lo permette.

A difesa della nuova 2.0 sembra che il premi cosce sia comunque fatto bene, e la plastica migliorata. L’azienda che la produce è Italiana e la plastica è molto buona e questo è un pregio.

La Waka 1.0 fu per me una barca eccezionale: dal primo secondo,  io so che con una barca mi troverò bene solo se quando mi siedo dentro mi sento subito proiettato in avanti e le ginocchia toccano i premi cosce.
Non sono molto bravo nei lavori manuali, e sedermi dentro a barche con sedute infossate e premi cosce che mi arrivano all’altezza del mento mi fanno innervosire. Uno perchè mi toccherà impostarmela con materassini di tutti i tipi e come sempre accade mi ritroverò il boostic sui pantaloni sulle mani e poco dove dovrebbe essere.
Sono piccolino e voglio una barca comoda per la mia statura. E la Waka 1.0 fu subito una barca perfetta per me.
Condivido la scelta di Sam Sutton, di aver modificato la Waka nei piccoli difetti rendendola comunque molto vicina alla vecchia. Il mercato delle canoe sta allungando molto le barche e le stanno rendendo molto veloci.
Il che non è male, sono stato il primo ad avere la 9r e ho sempre detto la barca migliore di sempre. Però mi sembra che molte aziende stiano costruendo le barche più per la velocità che per la bellezza. Per le gare. Ma io penso che le gare siano per pochi e per pochi giorni all’anno mentre in canoa ci vado tutti i giorni.

Ecco quindi che la barca veloce è divertente ma non deve essere il principio fondamentale delle case costruttrici, infatti WAKA è lunga 259 sia modello vecchio che quello nuovo, rispetto a le altre che hanno lunghezze da 270 cm a 280 tranne daghe che ha la stessa lunghezza 259.

Personalmente la barca veloce mi piace, ma preferisco che sia veloce in morta,  dove non serve un braccio da 80 kg per farla ripartire e che resti  divertente sia sui 5 che sui 3. Ecco perchè vendetti la WAKA, bella ma troppo facile.

Noto che molte aziende stanno costruendo barche sempre più facili e anestetizzanti, per poter aumentare il grado dei fiumi.
LE canoe non possono essere costruite per le gare.
Le gare sono il 5 % delle giornate che uno passa in canoa anche i 5 e 5°+ sono il 10 % tutto il restante sono fiumi di 3-4- e 5 grado dove il divertimento deve essere manetuno anche con poca acqua.

La 9R è una barca da gara ma io non l’ho presa per quel motivo è una barca difficile e molto molto divertente. La 9 R deve  essere mantenuta veloce per via della coda che spesso viene pizzicata e su fiumi di volume e tecnici si fa abbastanza bene, ma sui torrenti e creek molto pendenti dove bisogna andare piano per vedere dove bisogna andare qualche problemino l’ho avuto.

C’è poi il piccolo particolare che io con la barca ci lavoro. Punte arrotondate sono più sicure quando lavoro con persone in hydro, deve essere stabile perchè raramente ho 2 mani sulla pagaia, Abbastanza veloce per poter trasportare una persona, Devo poter stare in un buco senza saltare come un matto e devo aver una barca dove la velocità di rotazione deve essere buona. E onestamente se non ho troppo litri preferisco perchè riesco a gestire meglio il tutto. Inoltre deve essere una barca leggere sia da trasportare, che in navigazione13906706_10206700695778934_9069852237852020103_n, non troppo stancante.

Ad onor del vero anche la nuova exo mi piace molto il disegno. Non l’ho vista ne provata, ho visto solo alcune foto e sembra la 9R migliorata per alcune cose. Quindi anche questa rientrerebbe nelle papabili ma ho bisogno di averla ora per poterla provare e farla mia prima del viaggio.

Quindi per ora la scelta è tra:
WAKA 2.0
Dagger new Nomad

Prezzi Waka 1.100 € costa meno e 300 € in meno non sono pochi.
Nomad 1400 €

Questo è tutto ora bisogna provarle e poi decidere.

Si accettano consigli e pareri ciao.

 

Per informazioni e prenotazioni

CONTATTACI!
Contattaci!
X